Torrone di Barbero nelle confezioni di natale Maletti

Torrone Barbero alle nocciole ricoperto di cioccolata 2012


Questo prodotto non è più disponibile, consulta l’elenco completo nella sezione prodotti.

Torrone friabile artigianale con nocciole scelte a mano, miele selezionato, albume pastorizzato. Privo di alcuna gelatina alimentare. Tagliato e modellato manualmente dopo ore di lenta cottura in caldaie e a vapore, secondo una antica ricetta. Il torrone bianco viene quindi ricoperto con finissimo cioccolato fondente.

Torrone friabile Barbero ha delle caratteristiche uniche in quanto è un prodotto lavorato ancora con l'antica ricetta del Torrone d'Asti. Infatti è stata mantenuta totalmente l'antica lavorazione artigianale che prevede una lunga cottura in caldaie a vapore per 7 ore circa. Per fare ciò, continuiamo ad utilizzare l'albume fresco d'uovo che da al prodotto grande friabilità e che non altera il gusto del Torrone.

Il nostro Torrone prevede nella sua ricetta, un'altissima percentuale di Nocciole Piemonte I.G.P. (51%) e del Miele Millefiori di buona qualità da noi selezionato. Tutte le Nocciole sono scelte a mano ed il Torrone dopo la cottura viene estratto con dei "remi" di legno e schiacciato a mano all'interno di appositi stampi in faggio. Il legno viene ancora utilizzato in quanto è un isolante termico e ci permette di lasciar riposare il Torrone all'interno degli stampi per il tempo giusto. Il prodotto viene poi fatto raffreddare sino al giorno successivo sui tavoli di marmo e viene raccolto per essere confezionato.

Questo tipo di lavorazione artigianale in Piemonte per il "Friabile" non viene più attuata dall'industria in quanto l'albume d'uovo viene sostituito con gelatine alimentari che servono a velocizzare la cottura del Torrone. Inoltre, nella produzione industriale la lavorazione manuale è stato sostituita dalla lavorazione in laminatoio che altera la friabilità del Prodotto.  





Storia del torrone alle nocciole IGP

L'origine del Torrone è avvolta nel mistero. Si arriva addirittura in Cina. Sarebbero stati gli arabi poi a portarlo nel bacino del Mediterraneo, in Sicilia, in Spagna ed in Italia. I cremonesi ne sostengono la paternità, nel 1441, durante il banchetto nuziale di Bianca Maria Visconti e di Francesco Sforza, quando venne confezionato un dolce croccante con miele e mandorle in forma di Torrazzo (torre campanaria del duomo della città), da cui avrebbe preso il nome.

Secondo un'altra tradizione invece, furono gli antichi Romani a tramandarci la ricetta di questa ghiottoneria (dal latino torrere = tostare). Verso la fine del 1800 i pasticceri albesi adottarono la Nocciola locale (Nocciola Piemonte I.G.P.) come ingrediente principe del loro torrone creando un nuovo ed esclusivo gusto. 

Ingredienti del torrone alle nocciole IGP

Torrone: nocciola piemonte I.G.P. (45%), miele, zucchero, sciroppo id glucosio, albume fresco di uovo, ostie (fecola di patate, acqua, olio vegetale) , vaniglia naturale del Madagascar . Ingredienti cioccolato extra fondente: (30% cioccolato): pasta di cacao, zucchero, burro di cacao, burro anidro. Emulsionante: leticina di soia, aroma naturale di vaniglia. Può contenere tracce di frutta a guscio, latte. Cacao, min 50,2% 



Ceste regalo



Sei un'azienda? Richiedi un preventivo!

Compila i campi riportati di seguito ed invia ORA la tua richiesta!

Accetto il trattamento dei dati* (vedi informativa)


invia la richiesta